• Menu
  • Menu

Crociera in Grecia in barca a vela, 2014 ( 24 agosto, Lefkas e Preveza, Grecia.)

Passeremo il canale di Lefkas e ci dirigeremo verso Preveza che si trova a 32 miglia da Kastos.

Sveglia con Pavarotti e colazione. Pronti via, si recupera l’ancora, e ci dirigiamo verso Preveza che si trova a 32 miglia. Non c’è vento e andiamo a motore tra le isole di Kastos, Kalamos e la terra ferma. Sembra di stare in un lago con coste verdeggianti a strapiombo su mare coperto d’olio. La costa è disseminata di piccole spiaggette con persone arrivate con piccole barche che fanno campeggio nautico sulla riva. Mettiamo l’esca in acqua nella speranza di una buona pesca. Davanti al porto di Mitika un taxi boat aggancia la nostra esca e fa srotolare il rocchetto con la lenza. Tagliamo il filo per evitare altri problemi e proseguiamo mentre il taxi boat si ferma per togliere l’impiccio che si è creato sull’elica. Procediamo sempre a motore e arriviamo prima del canale di Lefkas per fare un bagno. Ci mettiamo a lato dell’ingresso del canale e facciamo un breve bagno in un’acqua torbida, con corrente forte e temperatura dell’acqua a 25 gradi centigradi. L’anno scorso questo tratto di mare lo avevamo percorso con il timone danneggiato manovrando con il solo timone a vento, ormeggiando nello stesso punto dove ci troviamo ora e dove abbiamo passato la notte in attesa di arrivare al cantiere del marina di Lefkas per la riparazione. Durante la riparazione del timone avevamo noleggiato un’auto girando lungo l’isola per le strette e tortuose strade sino a sud, vicino alla famosa spiaggia di Porto Katsiki, dove vi è il luogo, secondo la leggenda, in cui si sarebbe suicidata la poetessa Saffo, gettandosi nel vuoto.

In questo luogo ho declamato il suo poema più noto.

Οἱ μὲν ἰππήων στρότον οἰ δὲ πέσδων οἰ δὲ νάων φαῖσ’ ἐπ[ὶ] γᾶν μέλαι[ν]αν ἔ]μμεναι κάλλιστον, ἔγω δὲ κῆν’ ὄτ- τω τις ἔραται.

C’è chi dice sia un esercito di cavalieri,
c’è chi dice sia un esercito di fanti,
c’è chi dice sia una flotta di navi sulla nera terra la cosa più bella, io invece dico
che è ciò che si ama

————————————————

SAFFO

Saffo è stata una poetessa greca antica vissuta tra il VII e il VI secolo a.C.
Di famiglia aristocratica, nacque a Mitilene, nell’isola di Lesbo, dove trascorse la maggior parte della propria vita. Dedicò la sua vita all’insegnamento di poesia, musica e danza alle fanciulle di Lesbo. Si è discusso molto sulla natura dei rapporti di Saffo con queste allieve. Non si conoscono né la data della sua morte (anche se da un suo componimento si può desumere che abbia raggiunto la tarda età), né le circostanze in cui avvenne. Dato leggendario, ripreso dagli antichi commediografi, è che si sia gettata da un faro sull’isola di Lefkada, vicino alla spiaggia di Porto Katsiki, per l’amore non corrisposto verso il giovane battelliere Faone, che in realtà è un personaggio mitologico. Tale versione è ripresa anche da Ovidio, nelle Eroidi, e da Giacomo Leopardi (Ultimo canto di Saffo).

——————————-

Riprendiamo a navigare calcolando di arrivare al ponte rotatorio entro le ore 15.00 pronti per approfittare dell’apertura del passaggio alle imbarcazioni. Il ponte consente il traffico delle auto tra l’isola di Lefkas e la terra ferma della Grecia. Arrivati puntuali il ponte si apre e passiamo. Procediamo, quindi, verso Preveza a vela di bolina larga. Arriviamo lì e ormeggiamo all’inglese sul molo in fondo al molo di fronte alla città con l’aiuto di un pescatore taciturno a cui offriamo una birra. Riusciamo ad avere acqua sul molo per il rifornimento, manca l’energia elettrica. Sistemata la barca prendiamo un gelato al bar, facciamo una passeggiata nella cittadina, ma i negozi sono chiusi per la giornata festiva. Torniamo in barca e preparo per la cena pasta al sugo con i piselli con la pentola a pressione. Alfine dormiamo di un sonno ristoratore.

Tratta successiva Paxos

Tratta precedente Kastos

In navigazione verso Lefkas
In navigazione verso Lefkas
Canale di Lefkas
In vista del ponte di Lefkas
Ponte di Lefkas aperto
Uscita dal canale di Lefkas
Preveza
Preveza

Renzo Trenta

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *