• Menu
  • Menu

Crociera in Grecia in barca a vela, 2014 ( 10 agosto, Myconos, Grecia.)

Sosta a Ormos nell’isola di Myconos.

Ci svegliamo con calma e facciamo colazione con i Queen. Oggi andiamo a visitare Mykonos, io noleggio un motorino per controllare i porti della città dove volevamo spostarci la sera o il giorno dopo. Saskia e Fabio vanno in autobus in città. Io verifico che ci sono 3 porti, il vecchio dedicato ai traghetti per le escursioni dei turisti e le grosse barche a motore, il nuovo dove ci sono barche a vela e l’attracco dei grandi traghetti e le navi da crociera, il terzo, finito da poco e non presente nelle carte nautiche, dove ci sono barche a motore di cui non si conoscono le profondità in banchina.

Controllo gli orari dei traghetti per Delo e rientro, dopo aver preso un caffè nella piazzetta del porto. La cittadina è frequentata da giovani turisti, molti sono italiani. Case bianche e tetti piani sono caratteristiche della Grecia, mulini a vento e case a strapiombo sul mare rendono caratteristico questo borgo dove i prezzi sono decisamente alti per la Grecia.

Rientriamo in barca per decidere cosa fare in attesa delle 16.30 quando dovrebbe arrivare il quinto componente dell’equipaggio. Decidiamo di restare nella baia di Ormos, le 7 miglia da fare per arrivare al porto di Chora controvento non ci consentirebbero di arrivare in tempo. Alle 17.00 arriva Alessandra, psicologa di Milano, si fa accompagnare a Ormos in taxi. Portiamo le valigie in barca e facciamo la spesa per la cena di oggi. Alessandra ci porta su nostra richiesta il pecorino romano e con questo facciamo i bucatini cacio e pepe. Uso acqua troppo calda e il formaggio si fonde anziché fare una crema per il condimento. Pazienza, verrà meglio la prossima volta. Poi festeggiamo il mio sessantatreesimo compleanno con uno spumante e un dolce con le immancabili candeline. Finiamo la serata chiacchierando sino a che il sonno vince tutti.

Tratta successiva Delo

Tratta precedente navigazione verso Myconos

Myconos
Myconos
Myconos
Myconos
Renzo Trenta

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *