• Menu
  • Menu

Crociera in Grecia in barca a vela, 2014 (12 luglio, Creta, Zakros, Grecia.)

Partiamo in direzione della insenatura di Zakros a 30 miglia di distanza, posta a est di Creta.

Sveglia e colazione con le “Quattro stagioni” di Vivaldi. Andiamo alla capitaneria di porto (Limenico Soma, in greco) e paghiamo 5,20 euro per l’ormeggio, l’impiegato che era di turno da 24 ore ha sbagliato il conto per la stanchezza. Facciamo la spesa di frutta e verdure e rientriamo. Riforniamo i bidoni di gasolio, dopo che in capitaneria ci hanno chiamato la cisterna dei rifornimenti. Partiamo con poco vento previsto, sempre da ovest-sud-ovest in direzione della insenatura di Zakros a 30 miglia di distanza, posta a est di Creta. Approfitteremo dell’insenatura per la sosta prima di attraversare il canale tra Creta e l’isola di Kasos dove arriveremo nel porto di Fry domani.

Abbiamo notato che quando c’è una bassa pressione nel Mediterraneo in Italia qui a Creta la direzione del meltemi cambia e si attenua, la direzione da nord passa a ovest. Approfitteremo del calo della forza del meltemi per arrivare a Kasos. Normalmente in questo canale e in questo mese il vento arriva a 25/30 nodi.

Si alza il vento a 18/20 nodi di poppa, mettiamo le vele e spegniamo il motore.

Pranziamo con tortini salati comprati stamani al bar e con frutta fresca.

Superiamo lo stretto tra l’isola di Koufonisi e Creta alle 14.40, vento al lasco di 20 nodi con mura a sinistra dopo aver strambato, rotta a 60 gradi bussola, stiamo risalendo verso nord.

Arriviamo nell’insenatura di Zakros alle 16.30, poche costruzioni, una strada porta alla spiaggia, un albergo e poche case fanno di questo luogo un posto tranquillo e isolato. Ancoriamo in un fondale di 6 metri, mettiamo in ordine la barca. Facciamo il bagno, controllo l’ancora tipo Rocna che è ben piantata nel fondo sabbioso e nuoto sino a riva, sul fondo si vedono delle attinie, una murena e diversi piccoli pesci come i saraghi, boghe, aguglie, ricciole e muggini.

Cena con pasta e fagioli, cucinata con pentola a pressione, e vino rosso. Il vento arriva a 18/20 nodi, l’ancora tiene; poi cala il vento ma resta la risacca per il mare lungo da est. La luna piena rischiara la notte e la risacca ci fa ballare tutta la notte in modo moderato, riusciamo a riposare.

Tratta successiva verso Kasos

Tratta precedente Ierapetra

All’ancora a Zakros
Tramonto a Zakros
Notte di luna piena a Zakros
Renzo Trenta

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *