• Menu
  • Menu

Crociera in Grecia in barca a vela, 2014 (24 luglio, da Rodi a Marmaris, Turchia)

Navigazione con porto di destinazione Marmaris in Turchia.

Ci prepariamo per la partenza dopo aver pagato 30 euro per l’ormeggio e 30 euro per la tassa di uscita dalla Grecia, visto che il porto di destinazione è Marmaris in Turchia. Facciamo rifornimento di acqua e partiamo, dopo aver inviato un documento mancante della barca al nostro agente turco. Appena usciti dal porto troviamo il vento al traverso di 15/18 nodi che ci accompagna per tutta la traversata sino all’imbocco dell’insenatura dove si trova Marmaris. Man mano che ci avviciniamo al capo Kadirga in Turchia il vento passa dal traverso al lasco, sino a scomparire del tutto e costringerci a motore. Saskia approfitta del poco vento per fare il bagno. Alla radio VHF sentiamo una comunicazione sul canale 16 in cui un operatore chiede ad un’altra barca se a bordo ci sono belle ragazze, gli risponde l’altro dicendogli non c’erano belle ragazze a bordo, aggiungendo in francese “così è la vita”.

Entriamo nella bella e molto protetta insenatura di Marmaris incrociando diverse barche che escono ed entrano dall’insenatura; lungo la costa piena di alberi che riempie di verde la roccia dei monti ci sono molte calette con molte barche e caicchi (grandi barconi di legno) all’ancora. Arriviamo a Marmaris e ormeggiamo al molo dei transiti, mettiamo sulla crociera di sinistra la bandiera gialla prevista all’arrivo in un porto straniero. Ci attende l’addetto dell’agenzia marittima che cura le pratiche di accesso. Scendiamo e andiamo alla dogana con lui, in mezz’ora i passaporti sono vistati e paghiamo 175 euro all’agenzia per il costo delle pratiche. Ci spostiamo nel grande marina posto dietro la dogana, passando a fianco ad una nave da crociera italiana che dopo aver scaricato i turisti sta per ripartire. La nave ha un disegno lungo le fiancate che sembra un serpente delineato dalle onde del mare, poco prima della prua finisce con un occhio di donna, mentre a prua in basso il disegno continua con grandi labbra carnose e rosse che sembrano volerti baciare. Noi passiamo lungo la fiancata e facciamo metaforicamente baciare le due prue. Entriamo e ormeggiamo fissando la trappa a prua. Il marina ha molti servizi di prim’ordine, i bagni come questi li ho visti solo al Royal Club di Palma di Maiorca. Doccia e cena con insalata mista. Domani andremo a noleggiare una macchina per visitare i dintorni.

Tratta successiva Marmaris

Tratta precedente Rodi

In vista di Marmaris
Porto di Marmaris
Sunkey ormeggiata al porto di Marmaris
Renzo Trenta

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *