• Menu
  • Menu

Crociera in Grecia in barca a vela, 2014 (29 luglio, Bozburun, Turchia)

Dobbiamo trasferirci di 18 miglia per andare nel porto di Bozburun.

Ci svegliamo e facciamo colazione con il canto di arie d’opera di Pavarotti. Dobbiamo trasferirci di 18 miglia per andare nel porto di Bozburun. Partiamo dopo aver mollato la cima a poppa, ci pensa Saskia che fa il bagno mattutino e approfitta per sciogliere la cima portata e terra. Lasciamo l’insenatura con niente vento. Appena fuori il vento aumenta a 12/15 nodi reali e di bolina. Zigzaghiamo per superare il promontorio e raggiungere il golfo protetto di Yeşilova Koerfesi. Superiamo il capo e lasciamo il vento a poppa, ma anche lui cala e dobbiamo mettere il motore, poi si riprende e proseguiamo a vela al gran lasco. Paesaggio arido e pietroso della insenatura che ci accoglie con un caldo abbraccio. Ci spostiamo dietro una isoletta dopo aver cercato un fondale adatto per ormeggiare. Non lo troviamo e decidiamo di metterci sottovento all’isola di Taşlica Adaşi, non diamo ancora per il fondale a strapiombo, e metto una cima a terra fissandola su un puntone di roccia dopo essermi tuffato dalla barca. Facciamo il bagno e ci guardiamo attorno; durante la perlustrazione della costa rocciosa individuo resti di anfore di ceramica molto antiche. Desumiamo che si tratti di pezzi antichi perché hanno formato concrezioni con le rocce del fondo. Provo a recuperare un pezzo di vaso con manico, non riesco a staccarlo dalle rocce della parete posta a 2 metri di profondità, non insisto per non danneggiarlo.

Le coordinate del luogo sono 38 gradi 36 primi e 860 millesimi di secondo nord e 28 gradi 02 primi e 290 millesimi di secondo est. Prima di risalire a bordo mollo il fissaggio della cima sulla roccia della riva. Ci dirigiamo verso l’insenatura e il porto di Bozburun mangiando un po’ di frutta e panini con affettato e formaggio. La baia è piena di caicchi ancorati con le cime a terra in ogni piccola insenatura della costa. Non siamo certi di trovare posto in porto ma proviamo lo stesso. Entriamo e individuiamo spazio per l’ormeggio sul molo di sinistra, un addetto ci indica dove ormeggiare con ancora a prua e cime di poppa in banchina. Il porto ha luce e acqua, paghiamo 45 lire turche (15 euro) per un giorno. Attorno al porto occupato per buona parte da barche a noleggio ci sono ristorantini e negozi di alimentari e con prodotti per turisti. Ci prepariamo e andiamo al bar per collegarci al WIFI e per una bibita. La serata si conclude con una passeggiata per negozi. Visitiamo la fontana delle abluzioni dove i fedeli si lavano i piedi prima di entrare nella moschea, tutta piastrellata in ceramica tipo azulejo tipo portoghese. Sentiamo anche il muezzin cherichiama alla preghiera i fedeli dagli altoparlanti del minareto, una delle cinque volte della giornata in cui i fedeli devono pregare secondo il Corano.

Rientriamo in barca e ceniamo con pasta alle zucchine preparata da Fabio.

Dopo mi sdraio in pozzetto e guardo il cielo stellato sul porto di Bozburun. C’è silenzio e un sentore di pace pervade l’aria calda della sera. Un motorino elettrico passa sulla banchina silenzioso, preservando la quiete in cui siamo immersi. La pace però dura poco, poi inizia la musica ritmata di una discoteca. Finisce così la giornata e andiamo a dormire per prepararci alla nuova crociera di domani verso Datca.

Alle ore 4.00 mi sveglio al richiamo del muezzin alla preghiera. Il richiamo del muezzin è il seguente:

Allahu Akbar (Iddio è Sommo – per 4 volte)
Ash’hadu anna ilaha illa Allah (Attesto che non v’è Dio se non Iddio – per 2 volte)
Ash’hadu anna Muhammadan Rasulu Allah (Attesto che Muham- mad è l’Inviato di Dio – per 2 volte)
Hayya ‘alas-salah (Orsù alla preghiera – per 2 volte)
Hayya ‘alal-falah (Orsù alla salvezza – per 2 volte)
Allahu Akbar (Iddio è Sommo – per 2 volte)
La ilaha illa Allah (Non v’è Dio se non Iddio – 1 volta)

L’esecuzione della preghiera (quotidiana) Salah è il secondo pilastro dell’Islàm.

L’adorazione e preghiera quotidiana è la colonna vertebrale dell’Islàm e la sua fondamentale importanza è definita con estrema chiarezza in un insegnamento del Profeta.

“Nel giorno della resurrezione la prima voce che sarà esaminata nel conto del musulmano è l’esecuzione scrupolosa dell’adorazione.

Se il risultato dell’esame sarà positivo, anche tutto il resto sarà approvato.

Ma se il risultato dell’esame sarà stato negativo, allora anche tutto il resto sarà rimproverato!”

L’adorazione quotidiana deve essere adempiuta in ben definiti archi di tempo del giorno.

Dice Allah nel Corano:
“In verità, l’adorazione quotidiana è per i credenti un dovere da

adempiere in tempi prescritti.”
Nelle ventiquattrore del giorno le preghiere prescritte sono cinque.
I tempi nei quali ciascuna preghiera deve essere eseguita sono legati al moto apparente del sole e alla luce solare.
La prima preghiera quotidiana è quella dell’alba (salàtu-l-fàgr); il suo tempo inizia al primo albeggiare e termina poco prima della levata del sole.
La seconda preghiera è quella del mezzogiorno (salàtu-l-zùhr); il suo tempo inizia dal momento in cui il sole incomincia la sua declinazione dallo zenit verso occidente e termina nel momento in cui l’ombra gettata da un corpo è lunga il doppio dell’altezza del corpo che la proietta.

La terza preghiera quotidiana è quella del pomeriggio (salàtu- l-’àsr); il suo tempo inizia quando termina il tempo di salàt-l-zùhr e termina poco prima del tramonto del sole.

La quarta preghiera quotidiana è quella del tramonto (salàtu- l-màghrib); inizia quando il sole è calato sotto l’orizzonte e ha ter- mine quando tutta la luce solare è scomparsa dal cielo.

La quinta preghiera quotidiana è quella del calare del sole (salàtu-l-’isha); il suo tempo ha inizio al calar delle tenebre e finisce alla metà della notte.

Gli orari delle preghiere dipendono dalla latitudine e dalla longitudine del luogo in cui si prega ed esiste una tabella che riporta gli orari esatti.

Oggi a Istanbul gli orari sono i seguenti:

– 05.51 ; – 13.22 ; – 17.17 ; – 20.31 ; – 22.17

Tratta successiva Dacta

Tratta precedente Serçe Limani

Bozburun
Bozburun
Bozburun
Porto di Bozburun
Bozburun
Ormeggio in porto a Bozburun
Renzo Trenta

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *