• Menu
  • Menu

Crociera in Grecia in barca a vela, 2014 (8 luglio, Creta, Paleochora e Elafonissi, Grecia.)

Elafonissi, splendida nei suoi colori turchesi con fondali di sabbia bianca.

Elafonissi, Creta

Ci svegliamo dopo una notte tranquilla in porto. La mattina il vento rinforza, ma oggi andremo in giro a terra. Colazione con “Ave Maria” di Schubert cantata da Bocelli. Massaggio alla cervicale di Peppone che ha preso freddo ieri sera e oggi è bloccato dal dolore. Andiamo in paese a Paleochora al negozio Vodafone per verificare la ricarica della scheda dati WIFI. Alle 10 il negozio è chiuso, non ci hanno fornito un orario certo dell’apertura, forse stasera alle 18.00. Partiamo per andare a Elafonissi, bellissima spiaggia di Creta a circa 70 Km di distanza a nord-ovest. Strada tutta curve, campagna coltivata ad ulivo, curato e irrigato, pianta per pianta con tubazioni nere che portano l’acqua da cisterne poste sui monti che raccolgono l’acqua piovana. Quanto lavoro c’è dietro questa cura del territorio, ci sono ulivi ovunque nelle colline e nei tratti di terreno impervi e impensabili da coltivare a menti razionali, dove le macchine non possono intervenire. Ci diciamo che in alcuni tratti ricorda la Sardegna. Tante curve, sali-scendi, ma alla fine appare il mare in lontananza. Raggiungiamo la costa e la piana dove ci sono molte serre dove coltivano le banane. Infine, appare Elafonissi, splendida nei suoi colori turchesi con fondali di sabbia bianca. Ricorda la spiaggia della Pelosa di Stintino.

Ci fermiamo al bar vicino alla spiaggia e beviamo una granita. La presenza di tanti turisti trasforma questo paradiso in un carnaio rosa, rosso, bianco slavato e con ambrate pelli da far invidia ad una mulatta. Questo modo di fruire le bellezze naturali rende il luogo invivibile. Certo la bellezza deve essere fruita dal maggior numero di persone, ma continuando di questo passo si arriverà al numero chiuso e alla prenotazione per poter accedere in questi luoghi. Non ho fatto il bagno pensando che quelle acque non avrebbero sopportato ulteriore carico umano. Come sostenitore della decrescita felice, faccio decrescere il carico antropico di questa giornata in questo luogo bello e delicato. Riprendiamo la strada del ritorno alle 13.00 e ci dirigiamo a Milia in un ristoran- te consigliato dalla impiegata del Rent Car. Dopo diverse curve e strada bianca giungiamo a superare una collina da cui si può vedere in lontananza il mare a nord dell’isola dalle parti di Chania; vista stupenda. Arriviamo infine al ristorante posto in un canalone alberato dove è possibile anche dormire. Il posto mi ricorda il bosco di Santa Barbara nella parte che porta a Villagrande Strisaili in Sardegna.

Mangiamo piatti locali come il capretto in umido, non c’è l’amata Coca Cola che piace tanto al nostro capitano, sostituita dalla bibita che è l’equivalente nazionale, caramello e acqua. Il colore è identico, il gusto ovviamente differente. Incontriamo una coppia piemontese con figlio piccolo che gira l’isola con la macchina noleggiata, fermandosi nei posti meno frequentati e solitari.

Finito il pranzo rientriamo a Paleochora, la bella cittadina turistica che si affaccia sul mare libico, e passiamo la sera in attesa della partita della semifinale Brasile-Germania, che finisce con una goleada per la Germania. Antonio e Uccio vanno a visitare le rovine della fortezza, ma tornano delusi, trovano poche pietre superstiti senza storia, che non trasmettono emozioni ai turisti distratti. Bisogna trovare il tempo per approfondire la storia di queste pietre immemori della loro grandezza. Alcuni ricercatori identificano Paleochora con l’antica città dorica di Kalamidi, nel 1252 i veneziani costruirono qui la fortificazione di Castel Selino, diverse volte distrutta e ricostruita. Quanto resta della costruzione quadrata è frutto delle modifiche del dominio ottomano. Compriamo il ghiaccio per il frigorifero. Il negozio Vodafone apre alle 19.00 ma l’impiegata non ci risolve il problema, dovremo chiedere più avanti in qualche altra città.

Tratta successiva Agia Galini

Tratta precedente Balos

Equipaggio al completo
Elafonissi, Creta
Renzo Trenta

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *